Autodesk Inventor Professional 2013 – Guida per progettazione meccanica e design

0
129

 

Il fortunato manuale edito da Tecniche Nuove, è disponibile in libreria e online nella versione aggiornata all’ultima release del programma, la 2013. Abbiamo parlato delle novità con uno degli autori del testo.Autodesk  Inventor Professional è il software più diffuso  per la creazione di prototipi digitali tridimensionali nei settori della progettazione meccanica e dell’industrial design. Il libro, aggiornato alla versione 2013, tratta il suo utilizzo all’interno di un flusso di lavoro reale: partendo dalla creazione di semplici schizzi bidimensionali, l’utente apprende gradualmente a creare il modello 3D del proprio progetto, arrivando alla creazione della tavola tecnica di presentazione e imparando l’uso degli strumenti di analisi integrati.

Gli autori, Cristian Sella ed Enrico Rossetto, profondi conoscitori del programma ed esperti formatori, hanno calibrato il testo in modo che sia utile sia al neofita sia agli esperti. Ma quali sono in particolare le novità di questa edizione? «Riguardano molti ambiti del software» ci spiega Cristian Sella.  «A partire dall’interfaccia utente dove è stata implementata la Schermata Iniziale, una finestra di dialogo che aiuta l’utente nella gestione dei file di lavoro, nell’utilizzo delle esercitazioni e dei video introduttivi e nella presentazione delle novità. È stata completamente rinnovata la guida in linea online, chiamata ora Wiki Help che può comunque essere scaricata in locale ed utilizzata offline. Ulteriori migliorie sono state eseguite al Menu comandi frequenti di forma circolare, attivabile con il tasto destro del mouse e ora sensibile al contesto e personalizzabile. L’Ambiente di Schizzo ha avuto dei ritocchi rivolti soprattutto a neofiti per facilitarne l’usabilità, come la visualizzazione immediata dei piani di origine che permettono di decidere dove tracciare le geometrie. Ora la prima quota creata nello schizzo determina la scala, ridimensionando tutta la geometria. Ci sono stati poi miglioramenti generali su molti comandi per implementare le opzioni di utilizzo. L’Ambiente di Parte (ambiente di modellazione) ha introdotto un nuovo gruppo di comandi dedicati alla creazione di forma primitive 3D. Ora è possibile modificare l’aspetto di più lavorazioni contemporaneamente. Nell’Ambiente di Assieme sono state apportate delle novità soprattutto nella gestione delle parti a corpo solido derivate o a contorno chiuso, dove è possibile rimuovere tutti i vuoti interni per riempire tutte le lavorazioni interne di svuotamento.  Nelle tavole, detto Ambiente di Disegno, ci sono state migliorie generali nella gestione dei fogli e delle viste che sono ora copiabili mediante i classici menu contestuali. Inoltre, sono state aggiunte migliorie sia all’Ambiente Lavorazione con utensili sia nell’Ambiente Simulazione, dove è ora possibile sfruttare la potenza di computer multi-core. Altre novità sono state rivolte all’introduzione dei servizi cloud con uno spazio dedicato sul portarle Autodesk, e all’Interoperabilità tra i vari CAD esistenti sul mercato per una migliore collaborazione.

La novità principale

La novità principale di questa versione è comunque rappresentata dalla gestione del materiali. «I materiali e gli stili colore di Inventor – precisa Sella – sono stati sostituiti dalle librerie condivise di Autodesk formate da materiali e aspetti. Questo permette un’esperienza di progettazione e visualizzazione più uniforme anche con gli altri software della galassia Autodesk. Materiali e aspetti sono risorse che definiscono la composizione e come appare l’oggetto. Gli strumenti sono posizionati nel nuovo Gruppo Materiali e Aspetto della Scheda Strumenti e, ancora più comodi, direttamente sulla Barra degli strumenti di accesso rapido». Tutte le novità della versione 2013 sono state trattate sia su un capitolo dedicato, il secondo dell’opera, con opportune descrizioni, che su aggiornamenti apportati a tutta l’opera tramite ritocchi effettuati dove l’argomento era stato trattato nella versione precedente della guida.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here