RICERCA DI FROST & SULLIVAN

Mercato europeo dei macchinari per imballaggio in crescita

Entrate per oltre 12,62 miliardi di dollari nel 2012
0
198

L’elevato tenore di vita in Europa ha reso popolari i beni confezionati, tra cui alimenti, bevande, articoli da toilette e cosmetici, facendo aumentare la domanda di macchinari per imballaggio nella regione. L’esigenza di soluzioni di imballaggio per prodotti di diverse forme e dimensioni, insieme all’attenzione particolare dei produttori all’automazione per migliorare l’efficienza dei processi in tutti i settori, sosterrà gli investimenti nel mercato. Questo è il punto di vista di Frost & Sullivan, che di recente ha condotto una nuova analisi sul mercato europeo dei macchinari per imballaggio.

Secondo l’indagine, intitolata “Analysis of the European Packaging Machinery Market”, il mercato ha prodotto entrate per oltre 12,62 miliardi di dollari nel 2012 e questa cifra raggiungerà quota 14,63 miliardi di dollari nel 2016. La ricerca ha riguardato i macchinari per il riempimento, la chiusura e il riempimento e la chiusura; i macchinari per formare, riempire e sigillare; i macchinari per l’avvolgimento; i gruppi di macchinari per imballaggio; i macchinari per la produzione di pallet. I segmenti degli utenti finali comprendono: prodotti chimici e petrolchimici, food & beverage, prodotti farmaceutici, prodotti dolciari e tabacco, prodotti da toilette e cosmetici.

I cambiamenti demografici come l’invecchiamento della popolazione e la crescita del numero dei piccoli nuclei familiari in Europa aumentano la necessità di confezioni monodose, portando gli utenti dei diversi settori a interessarsi a linee di produzione e macchinari per imballaggio specializzati.

“L’intensa competizione e la congiuntura economica sfavorevole hanno costretto le industrie in tutta Europa a ottimizzare i propri processi produttivi e diminuire i costi operativi”, afferma Sivakumar Narayanaswamy, Industrial Automation and Process Control Research Manager di Frost & Sullivan. “I macchinari per l’automazione dell’imballaggio che eliminano la manodopera, producono meno rifiuti e aumentano la produttività, stanno diventando ampiamente accettati”.

I volumi di vendita sono saliti ulteriormente con l’avvento di apparecchiature di imballaggio multifunzionali che riducono i costi e offrono una migliore gestione dello spazio. I sistemi integrati hanno anche una maggiore flessibilità operativa e possono adattarsi a nuove specifiche della produzione.

Tuttavia, i mercati maturi come Italia, Germania e Francia sono già ben equipaggiati ed è probabile che effettuino ordini limitati di questi macchinari per imballaggio avanzati. Più in generale, nell’Europa del Sud, la crisi ha colpito le industrie discrete e di processo. Gli utenti finali stanno cercando modi per ridurre i costi operativi e di manutenzione, pertanto non sono intenzionati a investire in processi di automazione di importanza non fondamentale.

“I fornitori di macchinari devono concentrarsi sulle regioni che non sono state colpite dalla crisi economica”, conclude Narayanaswamy. “I mercati di Scandinavia, Europa centrale e orientale e Regno Unito offriranno il più alto potenziale di adozione grazie alla stabilità dell’economia e della crescita degli utenti finali”.

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here