AL PORTO DI RAVENNA

Meno consumi energetici per le gru di banchina

Grazie ad azionamenti e motori di Emerson Industrial Automation
0
60

Al Terminal Container Ravenna (TCR) del porto di Ravenna, completati i complessi lavori di adeguamento tecnologico, è entrata in servizio la prima gru di banchina del terminal portuale in grado di operare su navi portacontainer, della capacità di carico superiore a 6.500 teu, grazie a uno sbraccio che arriva a 17 file di container, un’altezza sotto lo spreader di 34,5 metri e una capacità di sollevamento potenziata a 55 tonnellate.

Il Porto di Ravenna ha scelto di utilizzare i prodotti e le soluzioni di Emerson Industrial Automation e, più precisamente, gli azionamenti a velocità variabile serie Unidrive SPMD, i motori asincroni serie FLS di Leroy Somer e i software ‘Crane Management Sysyem’ e ‘Crane Control System’ di Control Techniques.

Sul mezzo è stata installata una nuova cabina di guida ideata da Brieda Cabins e dotata del dispositivo Dynamic Control Station, che ha consentito un deciso miglioramento delle condizioni ergonomiche di guida dei gruisti del porto.

Il Porto di Ravenna ha scelto di utilizzare gli azionamenti a velocità variabile serie Unidrive SPMD di Emerson Industrial Automation.

“Per rimanere competitivi i porti devono continuamente incrementare la loro efficienza”, commenta Gian Battista Dubini, Global Marketing Director – Cranes di Control Techniques. “L’operatività del Porto di Ravenna è a prova di futuro, grazie all’installazione delle soluzioni tecnologiche all’avanguardia di Control Techniques e Leroy Somer, che consentono alla nuova gru un risparmio energetico pari al 30%”.

Si conclude così la prima fase del programma di investimenti da otto milioni di euro del terminal ravennate volto all’ammodernamento dell’equipment di banchina, che prosegue con i lavori di modifica di una seconda gru di banchina, il cui completamento è previsto all’inizio della primavera del prossimo anno.

Nel progetto sono stati usati anche i motori asincroni serie FLS di Leroy Somer.

Dopo sei mesi di lavori, svolti all’interno degli spazi del terminal da OMG-MGM e Control Techniques (Gruppo Emerson), il potenziamento della capacità operativa delle gru di banchina è quindi una realtà attiva e funzionante.

“TCR è orgogliosa del successo con cui sono state fatte le complesse operazioni di revamping della gru”, aggiunge Milena Fico, Direttore Generale della società terminalista del gruppo Contship Italia. “Grazie a un prezioso lavoro di squadra con i nostri partner tecnologici e alle capacità di tutto il personale TCR siamo riusciti, affrontando anche alcune avversità meteo nei mesi invernali, a completare le operazioni senza alcun impatto negativo sull’operatività del terminal e sulla qualità del servizio offerto ai nostri clienti”.

Richiedi maggiori informazioni










Nome*

Cognome*

Azienda

E-mail*

Telefono

Oggetto

Messaggio

Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy*

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here