Quarant’anni di lavoro, d’impegno e di dedizione

Pulegge: guardare al futuro partendo da solide basi

Fi.p.i.l.l., piccola azienda marchigiana specializzata nella produzione di una completa gamma di pulegge, si prepara ad agganciare la ripresa puntando su un’offerta sempre più personalizzata
0
78

Quarant’anni di lavoro, d’impegno e di dedizione. Quarant’anni segnati dalla volontà di crescere, progettando e costruendo componenti in grado di soddisfare pienamente le esigenze del mercato e dei clienti. Quarant’anni di attività festeggiati come un’importante meta, ancora più significativa poiché è stata raggiunta in un momento storico caratterizzato da grandi difficoltà e incertezza come hanno sottolineato i titolari della società F.i.p.i.l.l., Luciano Cervigni e Claudio Ricci: «Il traguardo appena raggiunto, è stato per tutti noi motivo di profondo orgoglio e abbiamo ricevuto segnali di stima e affetto da molti clienti e fornitori».

 Crescita e investimenti

Da sinistra, Luciano Cervigni e Claudio Ricci, soci titolari della F.i.p.i.l.l.

La F.i.p.i.l.l. è stata fondata nel 1973 a Jesi, per poi trasferirsi qualche anno più tardi a San Paolo di Jesi, in provincia di Ancona, ed è specializzata nella produzione e vendita di un’ampia gamma di soluzioni per la trasmissione di potenza. «I nostri prodotti sono applicati in molteplici settori e non abbiamo un mercato di riferimento predominante. Le pulegge, vanno utilizzate ovunque si abbia il bisogno di trasmettere un moto; comunque i nostri maggiori clienti sono nei settori dell’automotive, agricolo, del condizionamento e dell’edilizia, per citare i principali», hanno precisato i titolari. Nel corso degli anni l’azienda marchigiana ha affinato la propria offerta per proporre soluzioni sempre più speciali: «Mentre in passato la nostra produzione standard costituiva il 70-80% del fatturato, oggi questa percentuale si è totalmente ribaltata. Facciamo molti prodotti su disegno del cliente e molti prototipi. Un’altra richiesta che è diventata il nostro punto di forza, è la rapidità nelle consegne sopratutto per materiali non standard. I nostri tempi mediamente vanno da un minimo di spedizione in giornata per i prodotti di magazzino, a un massimo di 8/10 giorni per i particolari realizzati a disegno». Proprio in quest’ottica negli ultimi anni gli investimenti destinati alla ricerca sono stati finalizzati a incrementare le collaborazioni con i clienti per soddisfare le esigenze specifiche. «In questo particolare momento economico, è molto difficile fare investimenti in innovazione anche se sarebbe auspicabile per una migliore produttività» hanno commentato i responsabili che hanno aggiunto: «La nostra gamma di prodotti è in continua evoluzione, così come i nostri servizi. Cerchiamo di affiancare il cliente con consulenze specializzate. Recentemente, abbiamo anche messo sul nostro sito web un programma per il calcolo delle trasmissioni». Un altro importante investimento che la società ha fatto di recente riguarda la riqualificazione di una parte degli edifici per generare energia pulita. «Abbiamo rimosso materiali pericolosi dal nostro opificio rendendolo più sicuro e contestualmente abbiamo installato un impianto fotovoltaico che ci rende pressoché autosufficienti per quanto riguarda il consumo elettrico».

 Una prospettiva internazionale

Come molte aziende del settore anche la F.i.p.i.l.l. ha fortemente risentito della crisi economica iniziata nel 2008. «Dopo una forte instabilità durata per tutto il biennio 2009-2010, durante il quale siamo ricorsi anche alla cassa integrazione in deroga (fatto eccezionale per la nostra azienda, visto che non ne avevamo mai usufruito), la nostra situazione economica e lavorativa si è stabilizzata negli anni successivi. Per superare questa fase critica è stata fondamentale la collaborazione con i dipendenti che hanno capito la situazione e hanno appoggiato le scelte aziendali – hanno spiegato i titolari – Oggi iniziamo a intravedere i primi segnali di ripresa Naturalmente, in queste condizioni, non ci sentiamo assolutamente supportati dalle istituzioni che sembrano far tutto per disorientare le capacità imprenditoriali». Per il futuro Luciano Cervigni e Claudio Ricci si augurano per la loro azienda e per tutti i piccoli imprenditori che il mercato torni a essere dinamico e in crescita. «Speriamo che in Italia vengano attuate le corrette manovre economiche atte ad alimentare lo sviluppo e gli investimenti e che non ci opprimano con continui costi fiscali e burocratici. Per quanto riguarda l’economia mondiale, speriamo di continuare a lavorare con tutti quei paesi leader, come Stati Uniti, Canada e Australia, e di poter affiancare anche quelli emergenti mettendo a disposizione le nostre conoscenze e le nostre tecnologie».

Un’ampia gamma di pulegge

Le pulegge trapezoidali in alluminio rappresentano la produzione storica della F.i.p.i.l.l.: hanno segnato la nascita e la crescita dell’azienda. La società marchigiana oggi progetta e produce una serie di pulegge fisse in lega leggera, con diametro da 40 a 500 mm., da 1 a 5 gole, realizzate curando nei minimi particolari la scelta dei materiali, le lavorazioni e le geometrie di costruzione, in modo da soddisfare pienamente le più svariate esigenze di impiego. Inoltre, con lo stesso criterio fabbrica anche pulegge trapezoidali a gradini. La lega, perfezionata nel corso degli anni, utilizzata per questa serie di componenti permette il trattamento di ossidazione dura che consente di raggiungere durezze da 450 a 700 Vickers. L’offerta dell’azienda di San Paolo di Jesi si completa con la produzione di pulegge trapezoidali in acciaio con alesaggio per bussola taper-lock; pulegge variabili; pulegge a fascia piana con bussola conica di serraggio taper-lock; pulegge poly-v in alluminio con alesaggio per bussola taper-lock; slitte tenditrici e pulegge dentate.

 

Richiedi maggiori informazioni










Nome*

Cognome*

Azienda

E-mail*

Telefono

Oggetto

Messaggio

Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy*

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here