VARVEL

Riduttori a vite senza fine interasse 50 mm

La nuova versione resa disponibile dall'azienda bolognese promette, rispetto ai modelli precedenti, aumentata qualità e prestazioni.
0
226

Varvel

Varvel, storica azienda bolognese dal 1955 specializzata nella progettazione e realizzazione di riduttori e variatori di velocità, ha presentari la nuova versione dei riduttori a vite senza fine interasse 50 mm, uno tra i prodotti di punta dell’impresa emiliana, che, rispetto ai modelli precedenti, promette aumentate qualità e prestazioni.

L’azienda da sempre pone al centro delle proprie attività la continua innovazione dei propri prodotti con l’obiettivo di rendere disponibili soluzioni costantemente all’avanguardia per tecnologia e prestazioni.

Il recente restyling dei riduttori a vite senza fine interasse 50 mm, si colloca in quest’ottica. Per renderli maggiormente competitivi, Varvel ha deciso di riprogettarli dando quale input di progetto l’ulteriore aumento della qualità del prodotto, mantenendo costante il costo di produzione dello stesso. Si è pertanto realizzata una nuova versione del riduttore SRS050 con un coperchio laterale del riduttore integrale con la carcassa, assimilandolo così alla stessa configurazione già consolidata del riduttore SRT.

Aspetto fondamentale per questa tipologia di riduttori in quanto il coperchio laterale è utilizzato come fissaggio “pendolare” al telaio della macchina del cliente. L’aver reso questo lato del riduttore monolitico con la carcassa ha portato benefici alla rigidità torsionale della carcassa del riduttore e al fissaggio all’applicazione del cliente.

A questo fine sono stati portati da 4 a 8 i fori filettati laterali presenti sul coperchio, dando la possibilità al cliente di orientare il riduttore i di 45° in 45° (e non di 90° come in precedenza) oppure di utilizzare un maggior numero di viti per il fissaggio (da 4 ad 8), sempre a beneficio della rigidità di fissaggio del riduttore al telaio della macchina. Queste considerazioni valgono anche per tutti gli accessori riportati mediante collegamento con viteria sul lato della carcassa.

Con questa nuova geometria sono state eliminate le possibilità di trafilamento di lubrificante tra la carcassa e il coperchio laterale del riduttore, non essendo i due componenti più separati.

Per uniformità di gamma, le modifiche sono state riportate anche sul riduttore “cubico” SRT050, in modo che si possa scegliere una o l’altra versione con sempre le medesime possibilità di fissaggio.

L’opera di riprogettazione non si è arrestata solo a un lato del prodotto, ma è stato rivisto specularmente anche l’altro lato.

Per  ridurre la possibilità di trafilamento di lubrificante tra la carcassa e il coperchio laterale del riduttore è stata usata al posto della pasta sigillante liquida, una guarnizione laminata in grafite che, unita all’uniformità della pressione esercitata dalle otto viti filettate, permette di garantire totale ermeticità.

La riprogettazione dei riduttori senza fine, interasse 50 mm, rientra in un più ampio progetto di evoluzione tecnica e tecnologica che l’azienda emiliana ha intrapreso da tempo, rendendola una delle realtà più dinamiche del panorama meccanico italiano anche in vista delle celebrazioni per il sessantesimo anno di attività in programma nel 2015.

 

Richiedi maggiori informazioni










Nome*

Cognome*

Azienda

E-mail*

Telefono

Oggetto

Messaggio

Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy*

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here