Motoriduttori, attuatori elettrici, ingranaggi, viti senza fine e pulegge secondo specifiche richieste

Microingranaggi su misura

0
93
Stefano Garavaglia, direttore generale e titolare di Microingranaggi di Buccinasco (MI).

Pur disponendo di un ampio e diversificato catalogo, Microingranaggi si distingue nel mercato per poter offrire anche un servizio altamente customizzato, dove progettazione, produzione e assemblaggio convergono in un processo nel quale qualità di prodotto e di servizio divengono inscindibili.Fig_01

Specializzata nella progettazione e realizzazione di micro-componentistica meccanica ed elettromeccanica di precisione, Microingranaggi si propone quale realtà trasversale in grado di soddisfare le esigenze di una moltitudine di settori. Motoriduttori, attuatori elettrici, ingranaggi, viti senza fine e pulegge, quali alcuni tra i componenti standard disponibili, trovano infatti largo impiego in numerosi ambiti; a questi si aggiunge poi anche la progettazione e realizzazione di tutta una serie di soluzioni su misura del cliente, partendo da necessità specifiche.

Microingranaggi vanta un parco macchine di tutto rispetto per soddisfare le richieste più particolari; qui una vista del reparto dentatrici.
Microingranaggi vanta un parco macchine di tutto rispetto per soddisfare le richieste più particolari; qui una vista del reparto dentatrici.

«Con tale approccio – dichiara il direttore generale e titolare Stefano Garavaglia – siamo in grado di attuare una sorta di trasferimento tecnologico con esperienza e know-how che possono essere adattati e adottati in base alle singole esigenze, potendo sfruttare l’expertise acquisita dall’ufficio tecnico anche in modo non convenzionale».

Dalla progettazione all’assemblaggio finale

Una chiave di lettura vincente che ha portato l’azienda a incrementare il fatturato da poco meno di 5milioni di euro del 2012 ai 5.237.000 dello scorso anno, con un incremento pari al 5%, e con una previsione per l’anno in corso che dovrebbe attestarsi sui 5.500.000 euro. Un fatturato composto prevalentemente da commesse di clienti italiani, anche se negli ultimi anni l’azienda ha visto una crescita consistente ed esponenziale della percentuale dei ricavi derivanti dalle vendite all’estero (soprattutto in Germania).

«Un fatturato – aggiunge Garavaglia – i cui equilibri sono in continuo divenire ma che oggi vedono un quota di circa il 60% per i riduttori e la restante parte, il 40%, coinvolgente l’ingranaggeria (dato da considerare tenendo conto che nei riduttori ci sono comunque ingranaggi ndr). Con una tendenza che vede prevalere l’aumento dei primi rispetto ai secondi».

Più nel dettaglio Microingranaggi è specializzata nella progettazione e produzione di ingranaggi che vanno da dimensioni tipiche del comporto dell’orologeria, fino a diametri non superiori ai 100 mm; per ciò che concerne invece i riduttori il range di misura predominante è compreso tra un minimo di 16 e un massimo di 100 mm (di diametro).

«L’obbiettivo – continua lo stesso Garavaglia – è comunque quello di fornire al mercato un prodotto “finito” non solo comprendente lo studio, dal design al progetto, ma che integri anche stampati plastici oppure metallici. A cui far seguire poi naturalmente prototipi e pre-serie fino all’industrializzazione finale della produzione. La nostra forza risiede infatti nel poter disporre di un ufficio tecnico dedito alla progettazione, di un reparto di produzione e di un reparto di assemblaggio costantemente in contatto tra loro, al fine di ottimizzare tempi e risorse per ogni commessa. Solo in questo modo emerge la competitività di un’azienda come la nostra, di medie dimensioni, ben strutturata ma, al tempo stesso, altamente flessibile e in grado di fornire risposte just-in-time, grazie a un organico composto da una trentina di qualificate e motivate persone».

Con sede a Buccinasco, alle porte di Milano, l’azienda vanta una struttura che si sviluppa su un’area di 3mila metri quadrati dei quali, più della metà, (1.600 per l’esattezza) sono occupati dall’officina, vero cuore pulsante e tecnologico, e dove macchine utensili per la micromeccanica operano quotidianamente in un ambiente interamente climatizzato.

Dal dinamismo di processo alla qualità di prodotto

«Novità? Parlare di novità in azienda è abbastanza difficile – sostiene sempre Garavaglia – la nostra dinamicità inizia dai continui investimenti in tecnologia che, a loro volta, si tramutano in opportunità di prodotto, standard o customizzato, per i nostri clienti. È frequente l’aggiornamento parco macchine. Ciò con lo scopo di poter entrare in nuovi settori, per sopperire a lavorazioni particolari, piuttosto che per far fronte a più tradizionali rinnovi di macchine che oggigiorno cambiano e aumentano in prestazioni in modo sempre più repentino».

Stefano Garavaglia, direttore generale e titolare di Microingranaggi di Buccinasco (MI).
Stefano Garavaglia, direttore generale e titolare di Microingranaggi di Buccinasco (MI).

A conferma di quanto dichiarato, tra immobili e macchinari l’azienda ha investito nell’ultimo quinquennio (ogni anno) quasi il 10% del fatturato, destinando la maggior parte proprio all’acquisizione di nuove attrezzature, o alla sostituzione di vecchi macchinari con nuovi impianti tecnologicamente più avanzati e performanti.

«Senza dimenticare – precisa Garavaglia – che buona parte degli investimenti viene puntualmente allocata per migliorare le condizioni di lavoro e la sicurezza dei nostri operatori».

È importante ribadire come la qualità di prodotto sia vista in chiave molto più ampia, con una cura del dettaglio che sia in grado di coprire l’intero processo, dalla progettazione alla consegna finale. Con tempi e metodi adeguati per soddisfare al meglio ogni tipo di commessa, ottimizzandone tutte le varie fasi.

«In linea, laddove necessario e voluto, con la tecnica Kanban – aggiunge Garavaglia – ovvero la nota tecnica di rifornimento utilizzabile in molti sistemi produttivi che consente alle aziende di ordinare un determinato componente necessario alla produzione solo quando se ne verifica la reale necessità».

Se ben applicato il metodo Kanban porta numerosi benefici operativi: da una notevole riduzione delle scorte a risposte veloci ai cambiamenti di domanda e al miglioramento dell’accuratezza della scorta, oltre che a una semplificazione della programmazione.

«In Microingranaggi – precisa Garavaglia – offriamo questo servizio già da alcuni anni e ci stiamo rendendo conto che le richieste sono in aumento. Molte realtà, infatti, stanno abbracciando la strada della lean manufacturing, ma non tutti i fornitori sono in grado di lavorare in kanban, poiché è necessaria una significativa capacità finanziaria (gli investimenti richiesti sono spesso onerosi, NdR), oltre che organizzazione e una altissima efficienza dell’intero ciclo produttivo, proprio perché la consegna deve essere garantita tassativamente, senza ritardi e con quantitativi certi».

Microingranaggi è dotata di strumenti di prim’ordine affinché la qualità dei propri prodotti sia costante e ripetibile.
Microingranaggi è dotata di strumenti di prim’ordine affinché la qualità dei propri prodotti sia costante e ripetibile.

Una buona visione per il futuro

Nonostante la non ancora perfetta situazione di mercato, l’azienda vanta un trend positivo che perdura ormai da tempo, a conferma di come le scelte manageriali siano state effettuate con grande attenzione e lungimiranza.

«Quale la vision per il futuro? Difficile – conclude Garavaglia – poter fare delle previsioni affidabili e attendibili. Per contro devo ammettere che l’andamento della nostra azienda in questi ultimi anni è stato molto positivo. Trend confermato anche dall’innesto di nuove giovani figure nel nostro organico. È oltremodo necessario guardare avanti con fiducia, in ogni caso, cercando di supportare la crescita con investimenti mirati e deputati a un miglioramento del processo. E quindi del prodotto. Con lo scopo di poter offrire una qualità di prodotto e di servizio sempre ad alto valore aggiunto ed elevare il livello di competitività».

Dal Mecspe 2014, le riflessioni di Stefano Garavaglia su andamento del mercato e prospettive future.

GUARDA IL VIDEO SU:

 

 

 

Richiedi maggiori informazioni










Nome*

Cognome*

Azienda

E-mail*

Telefono

Oggetto

Messaggio

Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy*

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here